Eneide. Testo originale a fronte. 1: Libri I-II

Eneide. Testo originale a fronte. 1: Libri I-II - Publio Virgilio Marone | Kritjur.org Leggi il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza in formato PDF, TXT, FB2 sul tuo smartphone. E molto altro ancora su kritjur.org.

INFORMAZIONE

AUTRICE/AUTORE
Publio Virgilio Marone
DIMENSIONE
8,67 MB
NOME DEL FILE
Eneide. Testo originale a fronte. 1: Libri I-II.pdf
ISBN
7254825287559

DESCRIZIONE

Poema di viaggi e d'avventure, di guerre e d'amore; celebrazioni del regime augusteo e riaffermazione del 'mos maiorum' come ideale modello di virtù civili e religiose, l'"Eneide" costituisce il testo fondamentale della civiltà classica dell'Occidente. Virgilio si prefigge l'imitazione di Omero e l'esaltazione di Augusto a partire dai leggendari antenati troiani e latini: un intreccio di motivi perfettamente fusi nel tessuto poetico scandito dall'esamentro epico flessibilissimo e ordinato. Un Omero capovolto: il peregrinare di Enea non è una ricerca della via del ritorno ma una navigazione verso l'ignoto; i combattimenti non sfociano nella distruzione di una città, ma nella fondazione della nuova capitale, Lavinio, da cui Alba Longa e la gloria di Roma. Il mondo augusteo è visto da un punto d'osservazione infinitamente lontano del tempo: squarci profetici inseriscono nella trama narrativa schegge del presente in cui vive il poeta, così come certi 'flash-back' riallacciano l'età repubblicana al passato mitico dell'epopea di Troia. Il volume contiene i libri I e II. Edizione con testo a fronte.

puoi scaricare l'intera eneide in formato word (404 kb) liber i liber ii liber iii liber iv liber v liber vi liber vii liber viii liber ix liber x liber ... libro xi.

Scopri le migliori offerte, subito a casa, in tutta sicurezza. TITOLO: Eneide AUTORE: Publius Vergilius Maro (Virgilio) TRADUTTORE: Annibal Caro CURATORE: NOTE: L'opera di Virgilio qui pubblicata è stata tradotta da Annibal Caro (1507-1566) che volontariamente ha stravolto l'originale (nei vv. 772-782), inserendo nel testo un episodio legato alle satire dei villani.

LIBRI CORRELATI