Buonasera alle cose di quaggiù

Buonasera alle cose di quaggiù - Antonio Antunes Lobo | Kritjur.org Siamo lieti di presentare il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza, scritto da Mauro Bonazzi. Scaricate il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza in formato PDF, TXT, FB2 o in qualsiasi altro formato possibile su kritjur.org.

INFORMAZIONE

AUTRICE/AUTORE
Antonio Antunes Lobo
DIMENSIONE
8,59 MB
NOME DEL FILE
Buonasera alle cose di quaggiù.pdf
ISBN
2323415819231

DESCRIZIONE

Angola. La guerra di indipendenza dal Portogallo è finita. Un agente dei servizi segreti si reca nell'ex colonia per una missione rischiosa, ma breve. Parte da Lisbona e in una settimana dovrebbe aver raggiunto il suo obiettivo. Non tornerà più a casa. All'agente che lo sostituisce tocca la stessa sorte di fallimento e oblio e così anche al terzo agente che sostituisce il secondo. Sullo sfondo di una guerra civile fratricida, e in particolare degli anni settanta, che nel romanzo sono il tempo del ricordo, degli avvenimenti tragici che segnano i destini dei protagonisti, Antonio Lobo Antunes racconta, apparentemente, una storia di spionaggio e di traffici illegali di diamanti. Ma nulla in questo romanzo corrisponde al concetto convenzionale di un racconto di spionaggio, se non la sensazione straniante di mistero insolubile. Gli scenari: Lisbona, la borghesia rampante, l'oblio in cui la società affonda il recente passato africano, le relazioni pericolose fra politica e malaffare, il neocolonialismo economico, il razzismo strisciante. E i luoghi dell'Angola martoriata, le sue città decadenti, distrutte.Con "Buonasera alle cose di quaggiù" la scrittura di Lobo Antunes ritorna ad affollarsi di fantasmi africani, ritorna in Angola, territorio imprescindibile della sua vita e della sua opera letteraria.

3, 1), sicché la Gerarchìa cattolica, colpevolmente invischiata oramai nella panie di una melassa antropologica purulenta e tetra, simile, se non identica, a quella pece dantiana in che sono attuffati i barattieri (Inf. Nuova Riveduta: Esodo 20,2-17. 2 «Io sono il SIGNORE, il tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù.

3, 1), sicché la Gerarchìa cattolica, colpevolmente invischiata oramai nella panie di una melassa antropologica purulenta e tetra, simile, se non identica, a quella pece dantiana in che sono attuffati i barattieri (Inf. Nuova Riveduta: Esodo 20,2-17. 2 «Io sono il SIGNORE, il tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù.

LIBRI CORRELATI