Gli ex-voto dal «santuario meridionale» di Gravisca

Gli ex-voto dal «santuario meridionale» di Gravisca - Camilla Manna | Kritjur.org Leggi il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Creature di un sol giorno. I greci e il mistero dell'esistenza in formato PDF, TXT, FB2 sul tuo smartphone. E molto altro ancora su kritjur.org.

INFORMAZIONE

AUTRICE/AUTORE
Camilla Manna
DIMENSIONE
3,54 MB
NOME DEL FILE
Gli ex-voto dal «santuario meridionale» di Gravisca.pdf
ISBN
2848365545830

DESCRIZIONE

Tra i molteplici reperti portati alla luce in mezzo secolo di scavi a Gravisca, gli ex-voto non rappresentano forse la classe più sensazionale, ma risultano non di meno colmi di significato e prodighi di informazioni. In questo volume vengono presi in esame i materiali votivi rinvenuti negli anni Settanta nel settore del cd. "Santuario greco" e pertinenti alle ultime fasi edilizie dell'area sacra, allorquando, oramai lontani i tempi e i commerci che avevano animato la vita dell'emporion, il santuario aveva assunto le fattezze di altri luoghi scoperti in area etrusco italica, legati ad una povera devozione fortemente connessa alla sfera della fecondità. Questi materiali, che possono sembrare meno rilevanti dal punto di vista della ricostruzione storica o della celebrazione estetica, ci dicono moltissimo della devozione popolare e quindi del culto. Sono proprio siffatti doni ad indicarci quale aspetto della divinità fosse quello prescelto nel culto (sanatio o fertilità) e quali caratteristiche fossero prevalenti nella devozione popolare. La peculiarità delle forme dei votivi di Gravisca lascia ancora molto spazio alle interpretazioni e, allo stesso tempo, la similarità con le contemporanee devozioni cultuali traccia un filo rosso di continuità con il passato.

Gli scavi archeologici hanno dimostrato l'esistenza nel sito di un villaggio protostorico, testimoniato dal ritrovamento di ceramiche dell'età del Bronzo.Pyrgi fu il porto di Caere, l'odierna Cerveteri da cui dista 13 km; distrutto dalla flotta di Dionigi di Siracusa nel 384 a.C., divenne colonia romana nel 264 a.C. Della cittadina romana restano tracce maestose del circuito murario ... Ex voto .

Della cittadina romana restano tracce maestose del circuito murario ... Ex voto . Capita spesso di vedere, visitando chiese e santuari, oggetti offerti per ringraziare di una guarigione, di esser sopravvissuti ad un incidente, per aver ottenuto, insomma, ciò che si è chiesto in un momento di difficoltà.

LIBRI CORRELATI